Le Crespelle (calabresi) – Nacatole


DSC00809

Quando si parla di crespelle normalmente si pensa a
qualcosa di simile alle crepes,  ma in realtà dalle mie parti sono una specie di brioches fritte che accompagnate con il gelato sono qualcosa di indescrivibile per me! Si chiamano anche Nacatole e sono tipiche di questo periodo (il Natale appunto), ma a casa mia si fanno tutto l’anno perchè sono davvero molto buone! La ricetta è praticamente la stessa della Pignolata che avevo postato l’anno scorso in questo periodo. Una ricetta tipica quindi, tradizionale che come sempre può variare a distanza di pochi km perchè ogni mamma, ogni nonna ha la sua ricetta tipica che viene tramandata. E questa è la mia che condivido con voi!
Enjoy🙂

INGREDIENTI per 1 kg di crespelle:

  • 1 kg farina per dolci
  • 150 gr zucchero
  • 120 gr di olio evo
  • 4 uova
  • 220 gr lievito madre o 1 cubetto di lievito di birra
  • 4 cucchiai circa di acqua tiepida
  • olio di semi di girasole

PREPARAZIONE DELL’IMPASTO
Prendete le uova e rompetele intere in una ciotola, sbattetele insieme allo zucchero e l’olio, versatele nella farina disposta a fontana precedentemente. Mettete anche il lievito madre sciolto in circa 4 cucchiai di acqua tiepida. Cominciate ad impastare. Impastate finché la pasta non sarà bella liscia e morbida (almeno 10 minuti) .Se dovesse essere dura, aggiungete qualche cucchiaio di acqua tiepida e continuate ad impastare.

PREPARAZIONE DELLA CRESPELLA

Quando la pasta sarà liscia e morbida tagliate un pezzettino per volta e “filatela”, cioè fate dei filoncini lunghi in modo da creare poi le ciambelline o le forme che più preferite. Nella foto vedete una forma particolare e tradizionale che viene fatta usando il fuso del telaio e se voi non l’avete potete utilizzare anche un mestolo di legno. Una volta formate le ciambelline si passano nel pettine (anche questo del telaio) facendo una lieve pressione. Fatele poi riposare e lievitare per un paio di ore.

LA PROVA
Anche in questo caso si può controllare che le ciambelline siano ben lievitate. Trascorse più o meno le ore di lievitazione stabilite si mette sul fuoco un pentolino di acqua. Quando l’acqua bolle si prende un pezzetto di pignolata, senza tenerlo o rigirarlo tra le mani e si butta nel pentolino. Se il pezzetto di pasta viene subito a galla la pasta sarà lievitata, in caso contrario si deve lasciare ancora per un po’ lievitare.

LA FRITTURA

Una volta lievitate le ciambelline, mettete sul fuoco una pentola con abbondante olio. L’olio deve essere ben caldo. Friggete le ciambelline e quando cotte passatele nello zucchero fino a che si attacchi bene a tutta la crespella.

Sia calde che fredde, sono una vera bontà!🙂

Buon Appetito!🙂

10 comments

Ti è piaciuto questo articolo? Fammi sapere con un commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...